notizie dal Brasile

Pasqua 2010 – Lettera Don Daniele

Pasqua 2010
Valutando l ́economia a partire da Gesù Risorto!

don Daniele Soardo – Lettera agli amici

São Luís, 27 marzo 2010

Campagna di Fraternità

Quest’anno la Campagna Ecumenica di Fraternità, inaugurata come sempre all’inizio di quaresima ha come tema: “Economia e Vita” e come slogan “Voi non potete servire a Dio e al denaro (Mt 6,24).

Il tema, scelto nel bel mezzo della crisi finanziaria del 2008, ha una attualitá struggente in ogni parte del mondo: come vivere il nostro rapporto con il denaro, con eticità e spiritualità cristiana?

Scrive il gesuita John Haughey: “non é sesso. Né politica. Il vero tabú della teologia é l ́economia. ‘spendiamo i nostri soldi come se non conoscessimo il Vangelo; e leggiamo il Vangelo come se non avessimo soldi’. Nessun ́altro aspetto influenza tanto la vita individuale e collettiva come l ́aspetto economico. La principale sfida che la famiglia umana deve affrontare oggi é l ́iniqua distribuizione di ricchezza e di potere”.

Come vivere l ́economia non tanto e non solo cercando il guadagno, ma capendo come i beni della terra sono primariamente e principalmente donati da Dio perhé stiano a disposizione di tutti?

Come capire e vivere l ́economia osservando il rispetto della natura, la limitata disponibilità delle risorse naturali, sapendo coniugare sviluppo, vita e dignità per tutti, adesso e per le generazioni future?

Come superare le grandi disuguaglianze mondiali, vivendo una economia solidaria, riconoscendo che prima e sopra il valore della proprietà privata esiste il valore della vita di ogi uomo e donna?

Terra, acqua, lavoro, libertà, dignità, salute, scuola, casa, sicurezza alimentare: sono beni che ogni Stato dovrebbe assicurare a tutti, concretamente e non solo nelle proprie Costituzioni…

Questi beni possono diventare “commerciabili”? Si possono e si devono comprare e vendere come qualsiasi merce?

Gesú

Sei nato povero, senza ospedale e senza casa, e subito hai dovuto rinunciare alla tua patria fuggendo come “perseguitato politico”!

Sei il Padrone del mondo, ma hai lavorato con i tuoi genitori, senza fare grandi affari: non ti sei arricchito, anzi hai detto ai tuoi che come proprietà non hai neppure una pietra dove posare il capo!

Hai svolto il tuo ministero gratuitamente e non hai chiesto e preteso guadagnare sui miracoli compiuti!

Hai chiamato i tuoi discepoli invitandoli a stare ben attenti alla ricchezza che rende difficile l ́entrata nel Regno e a lasciare tutto, ricevendo il centuplo in fraternità, e in eredità una miglior vita qui e la vita eterna (Lc 18,18-30)…

Hai evitato di farti giudice di eredità familiari tra fratelli, anzi hai rincarato la dose avvertendo duramente contro qualsiasi tipo bramosia di ricchezze e di fiducia in una vita assicurata da grandi proprietà (Lc 12,13-21)…

Hai invitato alla condivisione del pane, come soluzione al problema della fame della moltitudine, dimostrando che si arriva pure a raccogliere avanzi sostanziosi da non buttare via (Lc 9,10-17)…

Sei stato venduto da un tuo amico per qualche denaro, che è diventato maledettamente pesante, gettato via prima di ammazzarsi (Mt 27,3-10)…

L ́unica volta che sei stato vestito di lusso, di porpora, è stato per prenderti in giro e dopo sei stato spogliato addirittura delle tue uniche vesti per regalarti soltanto una croce (Mt 27,331-35)…

E noi cristiani ci identifichiamo in quell’unica tua proprietà: la tua croce! Perché addirittura il tuo sepolcro è stato per poco tempo un prestito del tuo amico Giuseppe di Arimatea.

Eppure:

Ci hai donato la tua Presenza e ricchezza di Figlio di Dio, nel quale san Paolo crede e comparato con Lui, considera tutto come spazzatura; (Fl 3,7-9)

per la presenza di Gesú Risorto, i discepoli cominciano a rivedere i termini di proprietà privata e nella pratica della condivisione scoprono che nessuno tra loro era bisognoso! (At 4,32-35)

Il testo della Campagna di Fraternità cita vari padri della Chiesa primitiva. Basilio di Cesarea: “Chi accumula più del necessario commette un delitto!”. Ambrogio di Milano contro i latifondisti ricorda che la terra appartiene a tutti e non ai ricchi!. Gregorio di Nissa: “La solidarietà con il povero è legge di Dio e non solamente un consiglio!

Molte volte abbiamo pensato alla conversione quaresimale come necessità di semplici ritocchi alla nostra vita individuale. Il documento della quinta Conferenza episcopale latino-americana del 2007 ha ricordato la necessità di una conversione pastorale e globale! Comunitaria e non solo individuale, della chiesa in sé nelle strutture e negli stili di vita, nei meccanismi di vita sociali, politici e economici…

Quanto vale Cristo nella nostra vita? Quanto vale la proprietà privata dei beni nei nostri pensieri e affetti, nel nostro immaginario e nelle nostre preoccupazioni? Quanto incide Cristo Risorto nei nostri stili di vita?

Gesú, per noi, hai donato tutto di te stesso! La tua incarnazione è stata vita, morte e resurrezione! Ti sei fatto pane di vita eterna, eternamente offerto e disponibile per darci vita e vita in abbondanzia!

Sei risorto e con Te risorge il tuo progetto di vita e di amore a partire dagli ultimi, dai più poveri e peccatori, dai più sofferenti ed esclusi… perché non esista più disuguaglianza e bisognosi tra di noi!

Il tuo sogno di beatitudine, di felicità (Mt 5,1-12…) l ́hai vissuto e proposto a tutti, a partire da tuoi discepoli, da chi confessa di credere in Te!

Il tuo rapporto con le cose è sempre stato secondario rispetto al tuo rapporto con Dio Padre e con i tuoi fratelli… e l ́esigenza di sobrietà necessaria per vivere la libertà interiore affettiva ed effettiva di fronte ad esse!

CRISTO RISORTO E’ VIVO PER SEMPRE!

EGLI VIVE IN CHI CON LUI SCOMMETTE CHE DIO E’ IL NOSTRO UNICO DIO!

IL PROSSIMO E’ SEMPRE UN NOSTRO FRATELLO E SORELLA, SOPRATTUTTO SE BISOGNOSO!

LA VITA FRATERNA SI COLTIVA NELLA GIUSTIZIA E NELLA SOLIDARIETA’!

LA VITA ETERNA COMINCIA QUI, DANDO IL GIUSTO VALORE ALLE COSE, ALLE PERSONE, ALLA NATURA, AL TEMPO…

LA VITA DI RISORTI CON CRISTO E’ VITA DONATA E CONDIVISA, GIOIOSAMENTE OFFERTA E ACCOLTA NELL ́AMORE FRATERNO.

CRISTO E’ RISORTO, ALLELUIA! RISORGIAMO PURE NOI CON CRISTO A VITA NUOVA, ALLELUIA!


Per chi vuol accompagnare più da vicino il mondo della missione, può visitare:
- il blog della missione di São Luís;
- a livello diocesano, il sito del Centro Missionario Diocesano;
- a livello nazionale, il sito del CUM (Centro Unitario Missionario).

Auguri a tutti di una FELICE PASQUA!

Pe. Daniel Soardo
missionario fidei donum di Verona a São Luís – Brasile

Commenti chiusi.